Home   /   Arte e Spettacolo  /  Life Style  /  Social  /  news  /  Travel  /   Al Teatro Carcano di Milano Paolo Colombo in CONTROCORRENTE
Al Teatro Carcano di Milano Paolo Colombo in CONTROCORRENTE
Share Button

Al Teatro Carcano di Milano Paolo Colombo nel nuovo ciclo di history telling “CONTROCORRENTE”.

Ci sono parti della Storia alle quali non viene quasi mai riservata attenzione. Forse non è una coincidenza che al loro centro si trovi la volontà di non conformarsi alle aspettative generali, di dire “no” quando ci si aspetterebbe un “sì”, di seguire idee, comportamenti e obiettivi differenti da quelli degli altri, in difesa di valori alti e profondi e non per capriccio o tornaconto personale. Eppure, quelli sono i momenti che segnano davvero la Storia, e avrebbero la capacità di farla svoltare in direzioni nuove se solo si desse loro voce.

Dopo i grandi successi delle ultime stagioni, Paolo Colombo, professore ordinario di Storia delle Istituzioni politiche all’Università Cattolica di Milano, torna al Teatro Carcano con il suo nuovo ciclo di history telling CONTROCORRENTE: tre lunedì tra novembre e gennaio per raccontare argomenti e vicende fuori dagli schemi. Forse, oggi, questo serve: pensare con la propria testa, recuperare la capacità di mettersi di traverso quando tutti – attorno a noi – sembrano andare in un’unica direzione, uscire dagli stretti recinti di un pensiero miope delimitato da altri, tornare ad ascoltare storie dimenticate e diverse che parlano di futuro comune e giustizia sociale. Storie “controcorrente”.

Primo appuntamento il 22 novembre per parlare di identità nera e sfruttamento delle terre africane; il 13 dicembre si tratterà invece della nascita negli Stati Uniti della disco music, collegata al coming out della comunità gay negli anni ’70; nel terzo e ultimo (17 gennaio), Colombo (coadiuvato dai disegni dal vivo di  Michele Tranquillini) affronterà la vicenda dei soldati italiani che, dopo l’8 settembre del ’43, rifiutarono di aderire nuovamente al fascismo affrontando deportazione e prigionia.

Al Teatro Carcano di Milano per Follow the Monday

CONTROCORRENTE                                                                         

Un progetto di “Storia e Narrazione”

Con Paolo Colombo

Al lunedì ore 20:30

22 novembre 2021

COS’ALTRO VI SERVE DA QUESTE VITE? Il Congo: lo sfruttamento del ‘continente nero’

Di Paolo Colombo

 Raccontare un pezzo di storia africana, quella del Congo, è un modo per gettare luce su una parte di storia mondiale che si dimentica spesso. Ma è anche un modo per aprire uno spiraglio su un tema ancor più ampio: quello dell’identità ‘nera’ e dell’imposizione di modelli ‘bianchi’ a popolazioni lontanissime da essi.

Ne viene una storia avvincente e drammatica, che passa attraverso lo sfruttamento europeo delle terre africane, l’ipocrisia delle versioni di comodo (ancora oggi nei notiziari) predisposte da chi detiene il potere, i sit-in dei ragazzi neri nei perbenisti Stati Uniti degli anni ’60, la rivoluzione tentata in Congo dal mitico Che Guevara, il velleitario progetto di Mobutu per un grande Zaire, gli enormi interessi economici che ruotano attorno alle risorse minerarie africane…

Quale potrebbe essere il nucleo centrale di una storia simile? Forse il mitico incontro di pugilato che, nel 1974, oppone Muhammad Ali (campione della volontà di riscatto nera) e George Foreman (perfetta incarnazione del nero americano, che sposa i valori e i modelli del mondo in cui vive).

E dove si tiene quell’incontro? Guarda caso, a Kinshasa, capitale dell’allora Zaire, ex-Congo Belga. Nel cuore dell’Africa Nera.

13 dicembre 2021

BORN TO BE ALIVE. Disco music e comunità gay negli anni ‘70

Di Paolo Colombo

 C’è una storia che pochissimi – soprattutto fuori dagli Stati Uniti – conoscono: quella che negli anni ’70 lega tra loro la nascita della Disco Music e il coming out dei gay a livello sociale. È una storia fatta di lotte e battaglie contro l’emarginazione e la discriminazione (che accomuna agli omosessuali gli afroamericani, le donne, gli italoamericani…), di grandi personaggi della musica (Barry White, Donna Summer, i Bee Gees…), di rivoluzione culturale (le radio, le discoteche, la moda…). Una storia di libertà e di liberazione. Una storia di sfrenato divertimento e di sfrenata perdizione. Una storia di genialità creativa e di smaccato business.

Una storia che, andando controcorrente, cambia la Storia.

Una storia dal ritmo incalzante come… un pezzo Disco.

17 gennaio 2022

GLI INTERNATI MILITARI ITALIANI: i soldati che dissero no al nazifascismo

Di Valentina Villa e Paolo Colombo

Con i disegni dal vivo di Michele Tranquillini

Un’altra storia che si dovrebbe conoscere ma pochi ricordano. Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, seicentomila soldati italiani vengono fatti prigionieri dagli ex-alleati tedeschi e deportati nei territori del Terzo Reich. Verranno ripetutamente blanditi con l’offerta di tornare in Italia e combattere per la neonata Repubblica Sociale di Mussolini. Ma la quasi totalità di quei nostri compatrioti rifiuteranno sempre, preferendo il lager e il lavoro forzato a un nuovo consenso ai nazi-fascisti.

Perché? Quanto costò loro una tale, ostinata, scelta? Come mai si parla così poco di questa epopea?

Gli IMI – “Internati Militari Italiani”, come verranno chiamati, per non equipararli neppure ai ‘normali’ prigionieri di guerra – racconteranno molto raramente la propria storia, frenati dal pudore per le cose orribili viste e vissute e dalla tiepida accoglienza ricevuta al loro ritorno: una cosa del genere, meglio dimenticarla che ricordarla.

Eppure, mezzo milione di italiani disse con caparbietà ‘no’ – quali che ne furono le molte e diverse ragioni – alle dittature più esecrabili di quel tempo.

Conoscere meglio questa storia avrebbe potuto dare un senso diverso al nostro antifascismo e alla nostra esperienza democratica e repubblicana. Ma non è mai troppo tardi.

PREZZI Posto unico intero € 10,00 | over 65, under 26, gruppi, insegnanti e abbonati € 8,00

PRENOTAZIONI TELEFONICHE 02 55181362 | + 39 02 55181377 (WhatsApp)

VENDITE ONLINE biglietti.teatrocarcano.com | happyticket.it | vivaticket.it

 

AL CARCANO IN SICUREZZA. L’accesso è consentito esclusivamente agli spettatori muniti delle Certificazioni Verdi Covid-19 (art. 9 Decreto Legge 22 aprile 2021, n. 52). In tutti gli spazi del teatro è obbligatorio indossare la mascherina chirurgica oppure FFP2.

Sul sito del Teatro Carcano www.teatrocarcano.com tutte le informazioni su prenotazioni, utilizzo voucher, protocollo sicurezza.

 

TEATRO CARCANO – corso di Porta Romana, 63 – 20122 Milano

info@teatrocarcano.com | www.teatrocarcano.com

Tags

Patrizia Gallini
Patrizia Gallini
I colori, l’aspetto e i modi sono da nobildonna veneziana, ma le sue origini sono piemontesi. Ha il sorriso affettuoso e sereno di chi si appresta a offrirti il tè con i pasticcini, ma in realtà sta discutendo di business con la fermezza di un panzer. Il suo “buen ritiro” è un antico mulino nel torinese, quando non è “occupato” dai suoi quattro nipotini. Di lavoro fa la P.R. , e naturalmente è il boss della sua agenzia. Per passione frequenta gli chef stellati, ama leggere e segue tantissimi spettacoli teatrali e, naturalmente, ci rende partecipi dei suoi incontri attraverso le nostre pagine.
Related Article

Post a new comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.