Home   /   Arte e Spettacolo  /  New  /  Social  /  news  /   La Casa degli Spiriti al Teatro Binario 7
La Casa degli Spiriti al Teatro Binario 7
Share Button

Torna la prosa di Teatro+Tempo Presente con una produzione della Compagnia Teatro Binario 7 in collaborazione con PianoinBilico.

la-casa-degli-spiriti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sul palco, per la regia di Corrado Accordino, Silvia Giulia Mendola
Musica dal vivo e voce di Mimosa Campironi.


“A mia madre, a mia nonna e alle altre straordinarie donne di questa storia” è la dedica che apre il romanzo di Isabel Allende. La casa degli spiriti è un’opera matriarcale. Clara, Blanca e Alba: sono complesse e diversissime tra loro le tre donne che rappresentano le varie generazioni della famiglia. C’è Clara, la chiaroveggente e la figlia Blanca, l’artista, e poi Alba, che vive la rivoluzione. Accanto a loro molte altre donne: nessuna si presenta come un’eroina, tutte cercano di fare quello che trovano giusto.

Ed è da un punto di vista femminile che in questo monologo prende il via la narrazione: è interpretato da una donna che, attraverso gli occhi e le voci di altre donne, racconta la storia di una famiglia. Le vicende si svolgono sullo sfondo politico-sociale del Cile durante gli ultimi decenni del Novecento, quelli del golpe, il colpo di stato del generale Pinochet del 1973, la violenza e il terrore della dittatura militare e la lenta ripresa di una vita normale, del ritorno della democrazia.

silvia-giulia-mendola_ph-laila-pozzo

silvia-giulia-mendola_ph-laila-pozzo

A dar voce al monologo Alba, che poi si calerà nelle vesti di tutte le donne che, una generazione dopo l’altra, le hanno consentito di essere quello che è ora. La loro storia, circolare ed ereditaria, non manca di spiritismo: è un intreccio di realtà e finzione, di amori e crudeltà, di carità e follia. Nel loro mondo le bambine nascono con i capelli verdi e le apparizioni siedono a tavola conversando con chi è in vita. Accanto a quello dei vivi si dispiega il mondo dei morti, vivi come chi è in vita.
Il realismo magico che mescola elementi fantastici a fatti concreti, permette di riuscire a vedere lo stra-ordinario nella vita di tutti i giorni: la magia non soltanto è possibile, ma è anche accettata come un altro qualsiasi aspetto dell’esistenza e porta con sé cambiamento, rivoluzione. Ci si chiede se il pensiero narrativo, magico e metaforico possa influenzare le percezioni e le decisioni delle persone alla stessa maniera dei fatti, oggettivi, e, quindi, plasmare in modo decisivo la realtà psicologica e sociale. E allora il linguaggio teatrale, in grado di evocare fantasmi grazie alla potenza dell’immaginazione, in grado di fare vedere e percepire anche quello che non c’è, attraverso la parola e il corpo dell’attrice farà precipitare il pubblico nel racconto magico: nel turbine della vita e della morte attraverso i sogni, le visioni, le violenze, l’odio, le vendette, i desideri, le passioni e l’amore che legano tra di loro i protagonisti del romanzo.

Sul palco una sedia, la scatola con la stella che contiene i diari di Clara. E poi i suoi ricordi, un telo per proiezioni di stoffa a trama larga: bianco, come le mura de Las Tres Marias, come il nome di tutte le donne di questa famiglia – Clara, Blanca e Alba.

mimosa-campironi_ph-patrizia-sacchi

mimosa-campironi_ph-patrizia-sacchi

TEATRO BINARIO 7
LA CASA DEGLI SPIRITI

di Isabel Allende
con Silvia Giulia Mendola
musica dal vivo e voce Mimosa Campironi
scene e costumi Elisa Bianchini
regia Corrado Accordino
produzione Compagnia Teatro Binario 7 in collaborazione con PianoinBilico

Date spettacoli
venerdì 23 ottobre 2020 alle 21
sabato 24 ottobre 2020 alle 21
domenica 25 ottobre 2020 alle 16
sala Chaplin

Biglietti
intero € 18 | Carta Più Feltrinelli € 15 | ridotto € 12 | allievi Scuola di teatro Binario 7 € 10 | under 18 € 6


Per info e prenotazioni:

Teatro Binario 7

via Filippo Turati 8, Monza

039 2027002 | biglietteria@binario7.org

Patrizia Gallini
Patrizia Gallini
I colori, l’aspetto e i modi sono da nobildonna veneziana, ma le sue origini sono piemontesi. Ha il sorriso affettuoso e sereno di chi si appresta a offrirti il tè con i pasticcini, ma in realtà sta discutendo di business con la fermezza di un panzer. Il suo “buen ritiro” è un antico mulino nel torinese, quando non è “occupato” dai suoi quattro nipotini. Di lavoro fa la P.R. , e naturalmente è il boss della sua agenzia. Per passione frequenta gli chef stellati, e li intervista per voi.
Related Article

Post a new comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.