Home   /   Social  /   Deformazioni professionali
Deformazioni professionali
Share Button

Joker interpretato da Jack Nicholson

Ahimè, non mi riferisco a quelle mentali, ma fisiche. Parlo delle attrici, conduttrici, cantanti e altre donne di spettacolo che, probabilmente convinte che sia possibile fermare il tempo, hanno fatto del loro viso una maschera orrida. L’ultima moda sembra essere la bocca a Paperino. Allargamento fino a toccare le orecchie, angoli piegati e cementati all’insù, sporgenza a becco. Non parliamo delle bocche a canotto che sono state superate dallo stile paperesco. E gli occhi? Quando va bene sembrano disegnati al computer, su una palpebra piatta, senza ombre e senza espressione. Che dispiacere vedere donne mature, alcune sicuramente intelligenti (vedi Milly Carlucci, Catherine Spaak, Corinne Clery, Alessandra Martinez) con un bellezza e un allure che sicuramente avrebbero sfidato il tempo rendendo immutato il loro fascino, sempre più simili alla maschera di Jocker. E il bello è che negano qualsiasi ritocchino, con la complicità di un giornalismo a tappetino. Avessi letto di qualcuno che commentasse quello che è sotto gli occhi di tutti, invece di scrivere sempre “per lei il tempo sembra non passare” “sempre più giovane e bella” “pelle da ventenne”, a corredo di servizi taroccati dal Photoshop e una ipocrisia da vomito. Ma la deformazione professionale colpisce anche ragazze giovani (annunciatrici, giornaliste) che quando aprono bocca sfoderano un ghigno maligno. Mi domando per quale motivo alcuni di questi nuovi mostri (che abbiamo amato nella loro versione naturale) vengano ancora scritturati e ci vengano propinati in televisione e al cinema. Da parte mia spengo la TV e cerco di ricordare “come erano” e di immaginarle “come sarebbero state”, sicuramente meglio

Tags

Maruska
Ha una certa età, ha lavorato per quarant’anni nel mondo del beauty, sia dalla parte dell’editoria che da “dietro le quinte”. Ha conosciuto tutti, o quasi, i produttori di cosmetici, i creatori di profumi, le fabbriche dei contenitori e degli imballaggi e tutti, o quasi, i profumieri italiani. Ama moltissimo il make-up, cura la pelle ma senza ossessione
Related Article

Post a new comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.