Home   /   Food  /  La Cucina Allargata  /  New  /  ricette  /  Le Ricette della Cucina Allargata  /   scaloppine di vitello ai funghi
scaloppine di vitello ai funghi
Share Button

Sono sicura che non vi devo insegnare nulla, e questo non è neppure lo scopo di questa sezione di cucina allargata, e qualche volta pasticciata. Ma, anche se la pentola in questione è piuttosto ingombrante, vorrei condividere la mia esperienza con il wok, che ha un grandissimo pregio. Se il vostro, o quello che andrete subito a comprare, è di buona qualità, vi può dare un grande aiuto per cucinare SENZA GRASSI! Io ho imparato spiando i cuochi cinesi. E l’ho messo alla prova per cucinare queste scaloppine di vitello e funghi.

Si mette una minima quantità di olio, quella che basta per spennellare LEGGERMENTE tutta la superficie. La pentola messa sul fuoco diventa caldissima su tutta la superficie interna e, usando delle pinze, potete “grigliare” le fettine di vitello in questo caso, o di quello che volete fatto a fettine. E userete la stessa pentola per completare la cottura degli altri ingredienti, che cuoceranno in meno tempo e senza bisogno di liquidi.

L’accompagnamento di questo piatto di scaloppine di vitello e funghi è un purèé che adoro, e che si fa senza burro e senza latte. Provare per credere.

Come mi vengono in mente le ricette? Semplicemente tenendo d’occhio il frigorifero (confesso che il mio è sempre rifornito), ma anche quando piange ed è quasi vuoto, mi impegno a utilizzare quello che resta. In questo caso avevo appena scongelato del vitello e mi sono accorta che era tagliato in fettine sottilissime. Bene, approfittiamone

scaloppine-di-vitello-ai-funghi-porcini

Scaloppine sottilissime di vitello con funghi

Ingredienti per due persone:

  • fesa di vitello in fettine sottili: 400 gr
  • funghi porcini secchi: due cucchiai (non indispensabili ma io li aggiungo sempre per dare più sapore)
  • funghi misti surgelati: 400 gr (sembrano tanti, ma sapete meglio di me che in cottura si riducono a una manciatina
  • 1 spicchio d’aglio
  • 4 o 5 pomodorini
  • 8 olive (io consiglio le olive taggiasche denocciolate, zero fatica, sapore eccezionale, e sono piccine)
  • 2 o 3 spruzzi di olio
  • aromi: quello che vi piace, rosmarino, timo. maggiorana
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

wok oliato

Procedimento:

  • Mettete il wok sul fornello, spruzzate un velo d’olio e stendetelo con un pennello o con la carta da cucina
  • con una pinza prendete le fettine di vitello due o tre alla volta e fatele dorare sul fondo e sulle pareti girandole una volta. Bastano un minuto o due. Salate e mettetele da parte
  • aggiungete nel wok i funghi surgelati e secchi, fatti prima rinvenire in un po’ di acqua tiepida,  e fateli andare a fuoco alto finché non si asciughi quasi tutta l’acqua che rilasciano.
  • aggiungete i pomodorini tagliati a metà e le olive
  • abbassate il fuoco, mettete il coperchio e lasciate andare per circa 10 minuti

Per accompagnare questo piatto che avrà ceduto un delizioso sughino, ecco un purè a calorie quasi zero.

Io ho usato il Bimby per la cottura a vapore, ma cuocete queste verdure come olete. L’importante è che non inglobino troppa acqua

Purè di broccolo romano e patate

Ingredienti:

  • 1 patata di max 300 gr da pelare
  • una piccola testa di broccolo romanesco (500 gr)
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • a piacere: curcuma, paprika, noce moscata…..

Procedimento:

  • Mettete le cimette del broccolo e la patata pelata e tagliata a fette nel vassoio per la cottura a vapore, salando un poco. Vel 1 Temp. Varoma per almeno 20 minuti o finché le verdure siano tenerissime. Poi buttale nel boccale, azionate a 6/7 Vel (scusate, ma io vado sempre a occhio) finchè le verdure sono diventate un soffice purè. Aggiustate di sale, pepe e tutte le spezie che vi piacciono. Se non usate il Bimby va benissimo un frullatore a immersione o qualunque cosa usiate per frullare!

Tags

Maruska
Ha una certa età, ha lavorato per quarant’anni nel mondo del beauty, sia dalla parte dell’editoria che da “dietro le quinte”. Ha conosciuto tutti, o quasi, i produttori di cosmetici, i creatori di profumi, le fabbriche dei contenitori e degli imballaggi e tutti, o quasi, i profumieri italiani. Ama moltissimo il make-up, cura la pelle ma senza ossessione
Related Article

Post a new comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.