Home   /   Corpo  /  Medical Beauty  /  Beauty  /  New  /  Note di bellezza  /  Social  /  Viso  /  news  /   OSSERVATORIO NAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA: AGGIORNAMENTI E NOVITA’ 2021
OSSERVATORIO NAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA: AGGIORNAMENTI E NOVITA’ 2021
Share Button

“Testa alta” e nuove sfide per la Medicina Estetica che, anche ai tempi del Covid19, continua ad ampliare il suo bacino d’utenza con uno sguardo innovativo e capillare. I dati parlano chiaro: nuove richieste e nuovi target si avvicinano al settore a conferma della sua inarrestabile ascesa. Evergreen dei trattamenti filler, tossina botulinica e rivitalizzazione cutanea. Tra i Millennials si punta ai peeling, all’epilazione e ai trattamenti body contouring.

A distanza di due anni dall’inizio della pandemia non muta il tasso di crescita che il settore della Medicina Estetica continua a raggiungere rispondendo in maniera sicura ed efficace alle richieste che il nuovo panorama sociale ha incrementato. “Le richieste non rallentano, semplicemente mutano, a causa anche dello stato emergenziale che stiamo vivendo”, afferma il Prof. Alberto Massirone – Presidente Agorà. Questa la prima fotografia presentata dall’annuale aggiornamento dell’Osservatorio Nazionale di Medicina Estetica redatto dalla Società Scientifica Agorà e presentato in occasione del Congresso Agorà. “Complice l’utilizzo della mascherina, le richieste, che tendono sempre più verso un modello di bellezza naturale, fresco e armonico nel pieno rispetto di forme e volumi, si concentrano prettamente nelle zone ora maggiormente esposte. Ma non solo: tutte le principali richieste di declinano in una ricerca di bellezza che parte dalla ritrovata attenzione alla prevenzione, oltre che dalla scarsa invasività, e che punta dritto al ritrovato miglioramento generale della propria immagine”, conclude il Prof. Alberto Massirone. Uno sguardo ai dati è la conferma che la Medicina Estetica continua la sua inarrestabile ascesa.

Make up bocca: labbra carnose


Si conferma tra le prime posizioni la richiesta di trattamenti con filler nella area labiale (45%, dato di poco incrementato rispetto al 2020), area naso geniena (37%) area zigomatica (26%) e del terzo inferiore del volto e bordo mandibolare (21%) con una distinzione per sesso e fascia d’età: se infatti per il 47% delle
donne nella fascia d’età 30-40 risulta essere il trattamento più richiesto, il 42% degli uomini invece lo richiede in una fascia d’età più ampia ossia dai 40 ai 60 anni. Nel 2021, la domanda di trattamenti con filler è di poco preceduta da quella con tossina botulinica che si indirizza a trattamenti di zone sempre più specifiche confermando altresì alcuni dati: dalle rughe d’espressione glabellari (75%) o dell’area perioculare (68%), cresce al 44% la domanda di trattamenti nella zona del terzo inferiore. Cambia, anche se di poco, il panorama della richiesta: ne fanno richiesta maggiormente le donne (54%) nella fascia 40-60, seguita al 53% dagli uomini nella medesima fascia d’età. Non muta nemmeno la terza posizione dove troviamo un evergreen: la rivitalizzazione cutanea che si
attesta per il secondo anno consecutivo con richieste che vanno oltre il 90% per il viso, collo (70%) e decollété (65%) nella fascia d’età 40-60 per le donne (35%) mentre per gli uomini, osserviamo la stessa percentuale, nella fascia 30-40. Tra i trattamenti con peeling, troviamo a pari merito i trattamenti per macchie e iperpigmentazioni e dell’aging cutaneo (48%). Interessante il dato sul target delle richieste: per quello femminile la richiesta proviene principalmente (oltre il 45%) dalla fascia d’età 30-40 mentre per quella maschile si trovano quasi a 
pari merito (30%) la fascia d’età 18-30 e 30-40 a conferma del fatto che anche l’uomo, a qualsiasi età, cura sempre più e meglio la sua immagine di bellezza. Tanti i trattamenti viso seguiti anche da quelli corpo con tecnologie di ultima generazione per il Body Contouring: tra i trattamenti maggiormente eseguiti quelli di intradermoterapia (oltre 55%), subito seguiti
da quelli con carbossiterapia ad alti o bassi flussi (oltre il 45%), laser e cavitazione (35%) e sempre a pari merito meccanostimolazione e criolipolisi (25%). Altra grande riconferma il target: sia femminile che maschile (oltre il 54% nella fascia 30-40 anni), interessati a trattare in modo efficace inestetismi su addome, gambe e glutei e adiposità localizzata in modo non invasivo. La laser epilazione avvicina alla Medicina Estetica un nuovo target: nei pazienti di sesso femminile nella fascia d’età 18-30 ne fa richiesta oltre il 62%, nei pazienti di sesso maschile in una fascia d’età più alta, 30-40, ne fa richiesta circa il 43%. Una fascia d’età che si abbassa sensibilmente, attestandosi tra i 24-30 anni, quella che effettua trattamenti per la rimozione di tatuaggi (oltre 52%).

Si confermano anche le motivazioni per fascia d’età che avvicinano alla Medicina Estetica: se nella fascia d’età 18-30 si punta sull’emulazione, volta a combattere anche un problema di insicurezza, nella fascia 30- 40 si pensa maggiormente alla prevenzione per contrastare efficacemente e precocemente i segni del tempo. In quella immediatamente dopo, 40-60, si presta maggiore attenzione ai trattamenti antiaging per ritrovare la miglior forma di benessere la stessa che si cerca di mantenere il più a lungo possibile nella fascia immediatamente successiva, over 60, che punta su anti aging e foto aging per correggere e ridurre inestetismi, rughe e lassità cutanee.

viso donna senza rughe

Anche il legame medico-paziente non muta ma anzi diventa sempre più solido: oltre il 50% dei nuovi pazienti ha consolidato un trattamento o un piano terapeutico rafforzando di conseguenza gli incontri (da 5 a 8 volte). Ad ulteriore conferma e nella piena trasparenza del rapporto medico-paziente, al termine del ciclo di trattamento, oltre il 50% dei Medici Estetici intervistati indirizza i pazienti, con specifiche storie cliniche, ad effettuare visite preventive e specialistiche con esperti di altre discipline. In conclusione, se con l’insorgere della pandemia da Covid19 il trend della Medicina Estetica si attesta comunque oltre al 60% è sicuramente un dato importante la modifica delle richieste che questa ha comportato: dal trattamento della zona dello sguardo e perioculare maggiormente esposto con l’impiego della mascherina, ad un miglioramento delle labbra e skin quality generale, al trattamento dall’acne creatosi dal fenomeno maskne oltre che ad una profonda idratazione e stimolazione con una maggiore attenzione al risultato.

Tags

Francesca
Per oltre vent’anni ha lavorato al fianco di Maruska con la stessa passione. Vuole festeggiare i suoi primi...quarant’anni (o qualcosa di più) condividendo desideri, dubbi, esigenze e scoperte dell’universo della bellezza con il maggior numero possibile di amiche. E’ sempre truccata e le piace cambiare. Manie? Le unghie!
Related Article

Post a new comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.