Home   /   Food  /  ricette  /  Social  /  news  /  Travel  /   “…E DI PASSIONE Q.B”: NON SOLO RICETTE, MA ANCHE STORIE CHE APPARTENGONO AL TERRITORIO E ALLA CUCINA PIEMONTESE
“…E DI PASSIONE Q.B”: NON SOLO RICETTE, MA ANCHE STORIE CHE APPARTENGONO AL TERRITORIO E ALLA CUCINA PIEMONTESE
Share Button

Dal 19 novembre, in tutte le librerie e negli store on line, arriva “…E DI PASSIONE Q.B.”, una raccolta di ricette e storie di ristoratori piemontesi, curata dalla critica enogastronica Paola Gula, cola la collaborazione della fotografa Margherita Bernardi.

“…E di passione q.b.” è una raccolta di ricette, ma anche di storie e rivelazioni, alla scoperta di osterie e ristoranti del territorio piemontese poco conosciuti, ma allo stesso tempo unici nelle loro specialità e tradizioni.

http://www.cipriamagazine.it/wp-content/uploads/2020/11/Libro_e-di-passione_qb.jpg


…E di passione q.b.
di Paola Gula, con le foto di Marghe Bernardi

Genere: Racconti e ricette
Collana: Passioni
Prezzo:  24 euro

In libreria dal 19 novembre 2020

 

Trama: Fuori dalle guide, fuori dalle stelle, fuori dai territori baciati dall’enoturismo, ci sono in Piemonte realtà di alto livello che rispettano ricette e tradizioni e che per eredità o per scelta rimangono in territori lontani dai riflettori. Sono territori da raccontare come le montagne, l’alta Langa e le valli. Ci sono locali storici che in pochi conoscono, ma che hanno storie e piatti unici. Non si tratta soltanto di osterie, le realtà sono variegate e includono anche giovani ristoratori che hanno deciso di percorrere una strada alternativa alla ricerca delle loro origini.

L’autrice: Paola Gula è nata a Ceva ed è una notissima giornalista enogastronomica, oramai anche affermata giudice de “La prova del Cuoco” su Rai Uno. Dice di sé: “Le cose che amo di più: bere, mangiare, leggere, scrivere… e non necessariamente in questo ordine! La passione per la letteratura, l’enogastronomia, la scrittura, l’analisi sensoriale e le lingue sono gli ingredienti del mio lavoro degli ultimi anni. Fin dai tempi dell’università ho cercato di mettere insieme i miei interessi e alla fine sono riuscita a coniugarli. Cibo, vino, birra, liquori per me non sono soltanto un modo per star bene, ma raccontano un pezzo della nostra storia, sono cultura. Il cibo cotto è la prima espressione dell’uomo evoluto. Quello che, con il sorriso, lo distingue dagli animali. Con il tempo ho scoperto anche che è difficile trovare un poeta, un filosofo o uno scrittore che non ne abbiano parlato, perché il cibo fa parte della nostra umanità evoluta come la poesia e la musica”. Nel 2019 ha esordito come scrittrice con il grande successo di “Favola imbandita” seguito nel 2020 da “La cantina dei tre lumi spenti”, entrambi con Golem Edizioni.

Tags

cipria
redazione Cipria Magazine
Related Article

Post a new comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.