Home   /   capelli  /  Medical Beauty  /  New  /  La dermatologa  /  news  /   L’alopecia indotta fa più paura della mastectomia
L’alopecia indotta fa più paura della mastectomia
Share Button

 

Alopecia femminile.jpg

Le manifestazioni cutanee causate dalla tossicità delle terapie oncologiche possono avere un impatto molto pesante sulla qualità della vita dei pazienti. Provocano una estrema varietà di sintomi fisici ma hanno manifestazioni ‘estetiche’ che preludono a gravi ripercussioni sulla vita sociale e di relazione, nonché sulla psiche dei pazienti. L’alopecia indotta è una di queste!

“Di certo l’effetto più noto che spaventa il paziente oncologico è l’alopecia indotta da chemioterapici la cui incidenza ed entità varia in base al farmaco assunto, con frequenze più elevate soprattutto per i taxani, le antracicline e gli agenti alchilanti. Uno studio di Ralph Trueb del dipartimento di dermatologia dell’università di Zurigo, ha riferito in un paper su Seminar Cutaneous Medical Surgery che un sondaggio ha rilevato che il 47% i pazienti di cancro femminile considerano la CIA l’aspetto più traumatico della chemioterapia, e l’8% declinerà anche la chemioterapia perché di questa paura di perdita di capelli” spiega la dottoressa Adele Sparavignaspecialista in Dermatologia e Presidente dell’Istituto di ricerche dermatologiche Derming, in occasione della riunione annuale del Board Scientifico “Il Corpo Ritrovato in corso a Roma: “La chemioterapia, di norma, agisce distruggendo tutte le cellule, sia quelle cancerose che quelle sane. Le cellule normali più sensibili all’azione tossica della chemio sono quelle in rapida crescita. Dal momento che le cellule responsabili della crescita dei capelli tendono a dividersi molto rapidamente per riprodursi, esse possono essere frequentemente uccise dalla chemioterapia, causando l’assottigliamento dei capelli e, molto spesso, la caduta totale dei capelli, ovvero l’alopecia da chemioterapia (i)”.

L’alopecia acuta del cuoio capelluto insorge da 1 a 8 settimane dall’inizio della chemioterapia ed è di solito reversibile. Casi di alopecia permanente da chemioterapici, sono associati alla somministrazione di busulfano (50% dei pazienti) e radiazioni (correlata alla dose).

“La caduta dei capelli in genere è un fenomeno reversibile che, solitamente, si risolve entro poche settimane dalla conclusione del ciclo di terapia con la ricrescita completa dei capelli. Nonostante ciò, esiste la possibilità che una somministrazione massiccia e consistente di farmaci chemioterapici, il tipo di combinazione usata e la presenza di fattori di rischio individuali (ad esempio problemi precedenti con la caduta dei capelli), possano determinare un’alopecia da chemioterapia permanente.Barba, ciglia, sopracciglia, peli pubici ed ascellari sono affetti da alopecia in misura variabile, dipendente dalla fase anagen del pelo all’inizio del ciclo terapeutico e dalla durata e posologia del trattamento” precisa e rassicura la dottoressa Maria Concetta Pucci Romano, Specialista in Dermatologia e Presidente del Board.

“Per quanto riguarda l’alopecia androgenetica che si vede spesso nelle pazienti in trattamento con inibitori delle Aromatasi (usate per il cancro al seno ormonosensibile) è importante iniziare subito una tutela locale (Minoxidil 2%)  e con integratori mirati (Nacetil Cisteina,Melatonina, Selenio in piccole dosi), soprattutto individuando preventivamente i soggetti a rischio: donne con seborrea, pregressa storia di acne/dermatite seborroica, capelli fini e sottili, anche familiarità per cuoi capelluto poco folto” aggiunge la dottoressa Romano. La dermatoscopia locale permette di monitorare la salute dei follicoli pilo-sebacei.L’uso del minoxidil topico al 2% sembra dare buoni risultati soprattutto in caso di alopecia causata da taxani e antracicline, ma non protegge da quella causata da doxorubicina. L’uso della parrucca da parte del paziente oncologico resta una valida soluzione anche in caso di alterazioni della pigmentazione. Se si interviene tardi, l’involuzione del follicolo è irreversibile e non si può fare più nulla.

TABELLA: PRINCIPALI FARMACI CHE CAUSANO CIA

  • Trueb RM. Chemotherapy-induced alopecia. SeminCutan Med Surg 28(1):11–4 (2009 Mar)

 

Frequentemente A volte Raramente
Adriamicina Amsacrina Carboplatino
Cyclofosfamide Bleomicina Capecitabina
Daunorubicina Busulfano Carmustina
Docetaxel Citarabina Cisplatino
Epirubicina 5-Fluorouracile Fludarabina
Etoposide Gemcitabina Methotrexate
Fosfamide Lomustina Mitomicina C
Irinotecan Melphalan Mitroxantrone
Paclitaxel Thiotepa Procarbazina
Topotecan Vinblastina Raltritrexato
Vindesina Vincristina 6-Mercaptopurina
Vinorelbina Streptozotocina

 

Bibliografia:
Breast Cancer Res Treat.
 2017 Jun;163(3):527-533. doi: 10.1007/s10549-017-4204-x. Epub 2017 Mar 21.
Chemotherapy-induced irreversible alopecia in earlybreastcancerpatients.
Kim GM1, Kim S2, Park HS2, Kim JY2, Nam S2, Park S2, Kim SI2, Kim D3, Sohn J4.
Br J Dermatol. 2009 Apr;160(4):883-5. doi: 10.1111/j.1365-2133.2009.09043.x. Epub 2009 Feb 16.
Irreversible and severe alopecia followingdocetaxel or paclitaxelcytotoxic therapy for breastcancer.
Prevezas CMatard BPinquier LReygagne P.

Tags

cipria
redazione Cipria Magazine
Related Article

Post a new comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.