Home   /   New  /  La dermatologa  /   Punti neri e il consiglio della dermatologa
Punti neri e il consiglio della dermatologa
Share Button

Per una risposta personalizzata alle tue domande, scrivi alla dottoressa Adele Sparavigna.

nata a Pompei, laureata presso l’Università degli Studi di Napoli ha poi conseguito la Specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il corso di specializzazione ha approfondito le tematiche riguardanti la diagnostica cutanea non invasiva ed in particolare lo studio dell’elasticità della pelle, affiancando la ricerca dermatologica all’attività clinica, cosa che prosegue tutt’oggi attraverso gli studi e le ricerche condotti presso l’istituto Derming di Monza, di cui è fondatrice, e le prestazioni specialistiche presso il suo studio. Per quanto riguarda la ricerca, si dedica allo studio della fisiopatologia cutanea e dell’interazione tra cute e farmaci, prodotti cosmetici, tessuti e, più in generale, tutti i prodotti destinati al contatto con la pelle, pubblicando studi su riviste specialistiche e presentando i propri lavori a congressi nazionali ed internazionali. L’attività clinica, non trascurando le tematiche inerenti le patologie cutanee, si avvale della poderosa esperienza maturata nel campo della ricerca cosmetologica ed estetica ed è da questa visuale privilegiata che nascono i trattamenti e le prescrizioni per una bellezza personalizzata e naturale.

Dove svolge la sua attività: Viale Cesare Battisti 38, 20900 Monza . T. +39 345 2529271 – F. +39 039 2329448 – adele sparavigna

 

Le vostre domande alla dermatologa:

Fata Biancospina – Forlì

Mi scusi se le faccio una domanda che può sembrare banale, ma non so a chi rivolgermi

Ho 45 anni, una pelle normale, non ho mai avuto né brufoli, né troppi punti neri. Purtroppo ho un vizio, non sopporto nessuna imperfezione della pelle e torturo i pochissimi punti neri. Solo che negli ultimi tempi (3 volte in 5 anni) ho schiacciato un punto nero molto infossato sul corpo, e il giorno dopo mi veniva una specie di ascesso grosso come una ciliegia, anche doloroso. Li perforo con un ago sterilizzato, esce a più riprese tantissimo pus, tengo i guanti di lattice e metto il gentalyn su consiglio del farmacista. Quando guarisce restano però un durone e una macchia più scura che non se ne vanno. E’ colpa dell’ età? Mi impegno a non farlo più, ma mi sembra strano perché prima non mi è mai successo.

Gentile Signora, sebbene il processo di invecchiamento cutaneo tenda col tempo a fragilizzare la cute rendendola più sensibile agli attacchi esterni, il suo problema non è certamente riconducibile all’età. Come nel suo caso, il traumatismo continuo nella stessa sede cutanea può facilmente portare a fenomeni di fibrosi cicatriziale e iperpigmentazione. Il mio consiglio è dunque quello di non torturare ulteriormente il comedone in questione, il rischio è infatti di incorrere in esiti cicatriziali esteticamente più sgradevoli del punto nero stesso

 

Tags

Adele
Specialista in dermatologia e venerologia. Sorriso solare, è nata a Pompei,dolcezza innata, competenza solidissima. Di sé dice “Non faccio nulla di straordinario, vi aiuto solo a portare la bellezza della vostra anima in superfice"
Related Article

Post a new comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.